Vai a sottomenu e altri contenuti

PEC Posta elettronica certificata

Posta elettronica certificata (per saperne di più: https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/posta-elettronica-certificata )

Che cos'è?

PEC è l'acronimo di Posta Elettronica Certificata. E' un sistema di 'trasporto' di documenti informatici che presenta delle forti similitudini con il servizio di posta elettronica 'tradizionale', cui però sono state aggiunte delle caratteristiche tali da fornire agli utenti la certezza, a valore legale, dell'invio e della consegna (o meno) dei messaggi e-mail al destinatario.

La Provincia di Verona ha i seguenti indirizzi di PEC:

Nome casella Descrizione
provincia.verona@cert.ip-veneto.net Mail istituzionale della Provincia di Verona
urp.provincia.vr@pecveneto.it URP - Ufficio per le Relazioni con il Pubblico della Provincia di Verona
suap.provincia.vr@pecveneto.it Sportello Unico Attivita' Produttive della Provincia di Verona*
affarigenerali.provincia.vr@pecveneto.it Settore di supporto giuridico amministrativo*
avvocatura.provincia.vr@pecveneto.it Servizio Legale*
contratti.provincia.vr@pecveneto.it Servizio contratti pubblici
ragioneria.provincia.vr@pecveneto.it Settore di supporto economico finanziario*
risorseumane.provincia.vr@pecveneto.it Servizio risorse umane*
ambiente.provincia.vr@pecveneto.it Settore servizi in campo ambientale*
sviluppoterritorio.provincia.vr@pecveneto.it Settore pianificazione ed urbanistica*
trasporti.provincia.vr@pecveneto.it Settore trasporti traffico e mobilita'*
trasporti.eccezionali.provincia.vr@pecveneto.it Ufficio trasporti eccezionali*
viabilita.provincia.vr@pecveneto.it Servizio Viabilita'
edilizia.provincia.vr@pecveneto.it Servizio edilizia - istruzione*
aua.provincia.vr@pecveneto.it Autorizzazione Unica Ambientale*
polizia.provincia.vr@pecveneto.it Corpo di Polizia Provinciale di Verona*
protezionecivile.provincia.vr@pecveneto.it Protezione civile

(*) Accetta messaggi solo da altre caselle PEC

A che cosa serve la PEC?

La PEC può essere utilizzata per la trasmissione di tutti i tipi di informazioni e documenti in formato elettronico; consente di certificare l'invio, l'integrità e l'avvenuta consegna del messaggio scambiato tra il Gestore di PEC del mittente e quello del destinatario; ha lo stesso valore legale della tradizionale raccomandata con avviso di ricevimento (garantendo, quindi, l'opponibilità a terzi dell'avvenuta consegna).

La PEC, per quanto in apparenza simile al servizio di posta elettronica 'tradizionale', offre un servizio più completo e sicuro, prevedendo:

  • livelli minimi di qualità del servizio e di sicurezza stabiliti dalla legge;
  • certificazione dell'invio e della consegna del messaggio;
  • l'opponibilità a terzi delle evidenze relative alle operazioni di invio e ricezione di un messaggio.

Che differenza c'è tra la raccomandata con ricevuta di ritorno ed il servizio di PEC (dal punto di vista legale, economico, di tempo e praticità del servizio)?

Il servizio di PEC consente di effettuare l'invio di documenti informatici avendo la garanzia di 'certificazione' dell'invio e dell'avvenuta (o mancata) consegna. Il servizio ha, pertanto, tutti i requisiti della raccomandata con A/R cui si aggiungono notevoli vantaggi sia in termini di tempo che di costi. In particolare, nella PEC si riscontra:

  • semplicità ed economicità di trasmissione, inoltro e riproduzione;
  • semplicità ed economicità di archiviazione e ricerca;
  • facilità di invio multiplo, cioè a più destinatari contemporaneamente, con costi estremamente più bassi rispetto a quelli dei mezzi tradizionali;
  • velocità della comunicazione ed inoltre non è necessaria la presenza del destinatario per completare la consegna;
  • possibilità di consultazione ed uso anche da postazioni diverse da quella del proprio ufficio o abitazione (basta un qualsiasi PC connesso ad Internet e un normale browser web), ed in qualunque momento grazie alla persistenza del messaggio nella casella di posta elettronica;
  • che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale.

In quali casi è preferibile inviare messaggi di PEC?

La casella di PEC è indicata soprattutto per effettuare comunicazioni 'ufficiali' per le quali il mittente vuole avere delle evidenze con valore legale dell'invio e della consegna del messaggio.

In che modo si ha la certezza della consegna di un messaggio di PEC?

Nel momento in cui l'utente invia il messaggio, riceve, da parte del proprio Gestore di PEC, una ricevuta di accettazione con relativa attestazione temporale. Tale ricevuta costituisce prova legale dell'avvenuta spedizione del messaggio. Allo stesso modo, quando il messaggio perviene nella casella del destinatario, il suo gestore di PEC invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna, con l'indicazione di data ed orario, a prescindere dalla visualizzazione del messaggio da parte del destinatario.

Da una casella di PEC è possibile inviare un messaggio certificato a chiunque abbia una casella di posta elettronica?

Sì, in questo caso il mittente disporrà delle attestazioni circa l'invio del messaggio.
Nel caso in cui anche il destinatario sia dotato di una casella di Posta Elettronica Certificata, oltre alle garanzie sull'invio del messaggio, il mittente disporrà delle attestazioni di avvenuta consegna.

Da una casella email normale è possibile inviare un messaggio ad una PEC?

Solo nel caso che la PEC del ricevente sia 'aperta' ovvero abilitata a ricevere indirizzi normali. In questo però il mittente non avra' le ricevute.

Dove posso consultare gli indirizzi pec degli enti pubblici?

E' possibile consultare ed estrarre gli indirizzi PEC di qualsiasi ente pubblico grazie all'Indice delle Pubbliche Amministrazioni. Ogni PA ha l'obbligo di creare una casella PEC per ogni registro di protocollo e comunicare ciascun indirizzo all'AgID.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto